Menu
METEOOSTIA E LE TERZE PARTI OSPITATE NON UTILIZZANO COOKIE DI PROFILAZIONE O ALTRO PER RACCOGLIERE I TUOI DATI PERSONALI.
PUOI CONTINUARE LA TUA NAVIGAZIONE IN QUANTO NON E' NECESSARIO IL TUO INTERVENTO.

Meteo Ostia

 

Esposizione al Sole

07-07-2019


L'estate e' ormai cominciata e mi e' sembrato utile fare "un giro in rete" sui piu' noti siti dedicati alla salute per raccogliere e riproporvi alcune informazioni generali dettate da medici ed esperti riguardo gli effetti positivi e negativi legati all'esposizione ai raggi solari unitamente a piccoli consigli utili per una corretta esposizione.

IL CONSIGLIO RIMANE COMUNQUE QUELLO DI RIVOLGERSI AL PROPRIO MEDICO PER CONFERME E INDICAZIONI.

QUESTI SONO ALCUNI DEGLI EFFETTI POSITIVI CHE SI HANNO CON UNA GIUSTA ESPOSIZIONE AL SOLE:

- MIGLIORA L'UMORE che puo essere molto utile in casi di DEPRESSIONE. Sembra infatti migliorare sensibilmente durante le giornate di sole con clima caldo e secco.

- in caso di MALATTIE ALLE OSSA e alle ARTICOLAZIONI il sole tende a ridurre i sintomi come nel caso di REUMATISMI, OSTEOPOROSI, RACHITISMO.

- RAFFORZA IL SISTEMA IMMUNITARIO. In particolare i RAGGI UV-A incrementano gli anticorpi presenti nel sangue, determinando una maggiore capacita' dell'organismo a reagire nei confronti di malattie infettive e virali.

- Fa bene alle OSSA e RAFFORZA LO SCHELETRO poiche' i raggi solari aiutano a fissare la vitamina D, indispensabile per l'assorbimento del calcio nelle ossa.

- E' utile in caso di ACNE GIOVANILE ma solo mediante un'esposizione ai raggi solari progressiva e corretta che porta ad un leggero asciugamento dei foruncoli. Se si prende il sole in modo eccessivo, senza le dovute precauzioni e nelle ore piu' pericolose, puo' seccare la pelle e stimolare cosi' le ghiandole sebacee a produrre piu' sebo generando nuovi brufoli e punti neri.

- Effetti positivi sull'ANEMIA poiche' il sole contrasta alcuni tipici sintomi dell'affezione come stanchezza, svogliatezza e difficolta' di concentrazione dovuti all'insufficienza di ossigeno trasportato alle cellule.

MA IL SOLE E IL CALDO POSSONO AVERE ANCHE EFFETTI NEGATIVI TRA CUI....

- HERPES alle labbra, sempre pronto a scatenarsi in condizioni di debolezza psicofisica del soggetto.

- Puo peggiorare l'INSONNIA.

- A carico del sistema cardiovascolare possono esserci problemi per coloro che soffrono di pressione sanguigna sia bassa che alta vedendo aumentare il rischio di avere un COLLASSO: i primi per un ulteriore calo della pressione e i secondi per un suo brusco abbassamento. Inoltre i soggetti che soffrono di SCOMPENSO CARDIACO durante i mesi piu' caldi possono avere delle complicazioni, dovute ad esempio all'eccessiva assunzione di liquidi.

- Dovrebbero assolutamente evitare di esporsi per lungo tempo ai raggi ultravioletti i soggetti che soffrono di PROBLEMI VENOSI come varicosi, flebiti e gonfiore alle gambe.

- Durante l'estate poi aumenta l'esposizione agli inquinanti ambientali come ossidi di azoto, ozono, ossidi di zolfo, idrocarburi, polveri, dannosi per chi soffre di BRONCHITE E ASMA.

- Aumenta l'incidenza della STANCHEZZA CRONICA.

- Attenzione particolare per il MELANOMA CUTANEO di cui l'esposizione al sole e' considerata la principale causa dovuta a lesioni del DNA indotta da radiazioni ultraviolette (UV). Gli studi in questo caso tendono a evidenziare una maggiore incidenza nelle persone che si espongono al sole in modo discontinuo come per "svago" e minore con l'esposizione al sole graduale e continuo ad esempio dovuto al lavoro. Il melanoma si manifesta per lo piu' in persone con la pelle chiara, soggetta a scottature e ricche di lentiggini.

- Attenzione agli OCCHI. I raggi UV-B minacciano pelle, cornea, congiuntiva e cristallino, causando irritazione, secchezza, infiammazioni e invecchiamento precoce. Gli UV-A e radiazioni visibili nel campo del violetto e del blu invece penetrano in profondita' e possono essere nocivi anche per la retina. Le piu' importanti malattie oculari causate dall'azione del sole possono essere la cataratta e la degenerazione maculare e va ricordato che tali malattie si sviluppano nel tempo non presentando un immediata riscontro.

ALCUNI POSSIBILI EFFETTI NEGATIVI LEGATI AI RAGGI...

UV A
Sono i raggi che vanno piu' in profondita' raggiungendo il derma dove possono alterare e distruggere le fibre elastiche e collagene. Sono responsabili di un invecchiamento precoce della pelle, macchie ed eritemi.

UV B
Penetrano nell'epidermide determinando eritema, pigmentazione ed ispessimento dello strato corneo. Possono essere pericolosi perche' riescono a penetrare all'interno delle cellule danneggiando il nucleo. Le alterazioni del DNA che ne consegue potrebbe essere la causa di alcuni tumori cutanei.

UV C
Sono molto pericolosi perche' possono distruggere il nucleo delle cellule uccidendole. Vengono trattenuti dalla fascia di ozono atmosferico e per questo motivo la riduzione dello strato stesso e' motivo di allarme per la salute.

INFRAROSSI
Scaldano la cute causando vasodilatazione che puo portare alla comparsa di eritemi e il peggioramento di coupeose del volto e angiectasie delle gambe.

I CONSIGLI SONO SEMPRE GLI STESSI...

- All'inizio, l'esposizione al sole deve essere molto limitata e aumentata progressivamente col passare dei giorni. Nei primi giorni e' consigliabile non esporsi ai raggi diretti, soprattutto se si ha la pelle chiara. Si ricorda che anche sotto l'ombrellone arrivano le radiazioni solari per cui si raccomanda di applicare un protettivo. Le ore migliori sono quelle del mattino (8-11) e del tardo pomeriggio (dopo le 17). Evitare le ore piu' calde della giornata (dalle 12 alle 15). E' inoltre preferibile prendere il sole stando in movimento, in modo che le radiazioni solari si distribuiscano omogeneamente su tutto il corpo.

- Non e' vero che piu' si sta al sole e piu' ci si abbronza, infatti, la produzione di melanina ha un limite legato alla produzione fisiologica di ogni persona.

- Prima di esporvi ai raggi UV, tenere presente la previsione dell'indice stesso per la giornata (nella tabella delle previsioni del tempo) e traetene le dovute precauzioni in base alla tabella seguente (che si trova anche sotto a quella delle previsioni del tempo).

I FILTRI SOLARI...

Riguardo la scelta e le modalita' di utilizzo dei filtri solari si puo dire che nonostante le indicazioni specificate sui prodotti diverse sono le variabili da tenere in considerazione come la diversa risposta dei vari soggetti e in quali condizioni avviene l'utilizzo che ne possono diminuire l'efficacia nel tempo. Se ad esempio ci si bagna spesso o altro, e' bene ripetere le applicazioni piu' frequentemente.
La scelta del tipo di prodotto va fatta in base al proprio fototipo e al tempo che si trascorrera' al sole.
Il fattore di protezione indica quante volte e' possibile moltiplicare il tempo trascorso al sole prima che la pelle si scotti. Il protettivo solare va applicato almeno mezz'ora prima di esporsi al sole per consentire ai principi attivi di penetrare lo strato piu' superficiale della pelle.

MASSIMA ACCORTEZZA CON I BAMBINI....

Particolare cura e attenzione nell'esporre i bambini al sole poiche' non avendo ancora ben sviluppato il sistema di termoregolazione che permette loro di percepire quando la pelle e' troppo accaldata e quindi allontanarsi, il rischio di scottature e' maggiore cosi' come quello di arrivare al colpo di calore. Bisogna tener presente che e' ormai accettato che le ustioni solari sofferte durante l'infanzia aumenterebbero notevolmente il rischio di cancro alla pelle in eta' adulta. Purtroppo emerge invece nelle ultime ricerche che i bambini da 1 a 6 anni d'eta' vengono esposti al sole per tempi sempre superiori e tenderebbe a diminuire l'uso di antisolari e la protezione con indumenti.
Le regole fondamentali: non esporlo mai durante le ore centrali della giornata, proteggergli la pelle mediante l'uso di un filtro solare ad alto fattore di protezione, usare cappellini e magliettine, portarlo spesso all'ombra tenendo presente che sotto l'ombrellone, in pineta o con cielo coperto non si garantisce la completa protezione dai raggi ultravioletti. Prima di andare in spiaggia portare sempre con se dell'acqua e degli alimenti ricchi di liquidi tipo frutta, succhi di frutta, frullati e omogeneizzati di frutta. Alla sera poi dopo il bagnetto usare un doposole per idratare bene la pelle.

 

145