METEOOSTIA E LE TERZE PARTI OSPITATE NON UTILIZZANO COOKIE O ALTRO PER RACCOGLIERE I TUOI DATI PERSONALI.
PUOI CONTINUARE LA TUA NAVIGAZIONE IN QUANTO NON E' NECESSARIO IL TUO INTERVENTO.

 

 

 

 

 

CIRCOLAZIONE GLOBALE

 

La circolazione generale dell'atmosfera e' possibile perche' la Terra non viene riscaldata omogeneamente dal Sole, infatti, dove i raggi cadono perpendicolarmente al suolo come sulle fasce tropicali, e' piu' calda mentre dove cadono molto piu' obliquamente come ai poli, e' piu' fredda. Visto che la natura cerca sempre l'equilibrio, si verifica uno spostamento delle masse d'aria con eccesso di calore verso quelle che ne hanno in difetto.

 

 

Il grande calore che arriva sulla fascia equatoriale provoca una grande ascesa di aria calda verso l'alto creando al di sotto una vasta fascia di basse pressioni permanenti associate a condizioni meteo perturbate.
Una volta raggiunta la tropopausa, l'aria si distribuisce sia verso nord che verso sud e scorre in quota fin quando per effetto del raffreddamento comincia a ridiscendere. La discesa, che si verifica intorno ai 30 gradi di latitudine, genera a terra una vasta fascia di alte pressioni permanenti associate a scarse o assenti precipitazioni, infatti, e' lungo questa fascia che si concentrano i deserti.
L'aria che scende a terra, si distribuisce sia a nord che a sud, per cui una parte ritornera' verso l'equatore andando a creare la prima cellula convettiva chiamata
CELLULA DI HADLEY e l'altra parte proseguira' il cammino verso i poli.
L'aria che ora prosegue a terra, ricomincia a riscaldarsi fino a quando intorno ai 60 gradi di latitudine sia nord che sud, ricomincia a salire generando al di sotto una fascia di basse pressioni permanenti, associate a fenomeni meteo perturbati di intensita' minore a quelle equatoriali perche' hanno minore energia.
Una volta raggiunta la tropopausa, l'aria in parte si dirigera' verso sud e in parte verso nord, per cui una parte ritornera' indietro andando a chiudere la seconda cellula convettiva chiamata
CELLULA DI FERREL e l'altra parte proseguira' verso i poli.
L'aria si dirigera' in quota verso i poli e una volta raggiunti, sempre per raffreddamento ridiscendera' sugli stessi creando a terra una fascia di alte pressioni permanenti. A questo punto l'aria a terra tornera' indietro verso i 60 gradi di latitudine chiudendo la terza e ultima cellula convettiva chiamata
CELLULA DI HADLEY POLARE.
Per capire meglio quello che e' stato appena descritto, osservate l'immagine qui sotto:

 

 

Nella realta' pero', l'aria non segue moti rettilinei per spostarsi da nord a sud per via dello spostamento delle aree di alta e bassa pressione dovuto alla rotazione della Terra.
La Terra come sappiamo compie un giro completo su se stessa in 24 ore, ma se pensiamo bene alla forma del pianeta, vedremo che una persona posta sull'equatore fara' molta piu' strada per compierlo rispetto ad una posta ai poli; il risultato e' che per compiere un giro completo la persona posta all'equatore dovra' necessariamente andare piu' veloce rispetto a quella posta ai poli.
Questa diversa velocita' provoca uno spostamento della cellule convettive che andra' poi a ripercuotersi anche sulla direzione del vento.

 

 

Se cio' non bastasse, in realta' avviene un altro spostamento dei centri di alta e bassa pressione a causa della geografia stessa della Terra, infatti questo, e' fortemente influenzato dalla presenza di oceani, montagne, foreste, oltre naturalmente all'effetto provocato dalle stagioni, che determinano un diverso riscaldamento dell'area in questione.
Se osservate una cartina a scala globale, vedrete che le aree di pressione sono distribuite piu' regolarmente nell'emisfero sud dove l'oceano, coprendo la maggior parte dello spazio, caratterizza tutta l'area con una piu' omogenea  caratteristica termica. Al contrario, nell'emisfero nord la distribuzione delle aree di pressione e' piu' disordinata per la presenza di tante zone con caratteristiche diverse.

Le condizioni meteo italiane dipendono naturalmente dalla distribuzione di tali aree.
Le perturbazioni ad esempio, arrivano quasi sempre dal Nord Atlantico, e se osservate le cartine, vedrete che questo e' possibile per la presenza di un'area di bassa pressione permanente posta sull'Islanda e per la presenza del famoso Anticiclone delle Azzorre anch'esso permanente. I due tipi di aria, una fredda e asciutta e l'altra calda e umida, si scontrano generando le perturbazioni che vengono poi convogliate dagli stessi venti prodotti dai centri di pressione, verso l'Europa.
Lo stesso Anticiclone delle Azzorre, in estate, si rinforza e si lega con le aree di alta pressione stagionali europee, offrendo una forte protezione contro l'attacco delle perturbazioni che provengono dall'Atlantico.