METEOOSTIA E LE TERZE PARTI OSPITATE NON UTILIZZANO COOKIE O ALTRO PER RACCOGLIERE I TUOI DATI PERSONALI.
PUOI CONTINUARE LA TUA NAVIGAZIONE IN QUANTO NON E' NECESSARIO IL TUO INTERVENTO.

 

 

 

 

 

MOTO ONDOSO

 

Le onde vive vengono generate dall'attrito provocato dal vento che scorre sulla superficie marina e la loro altezza e lunghezza dipende da 3 fattori principali:
1) Dall'intensita' e persistenza del vento;
2) Dalla lunghezza del tratto di mare interessato senza la presenza di ostacoli ( Fetch );
3) Dall'altezza dei fondali ( nelle vicinanze delle coste ).

 

 

Il primo fattore determinante e' naturalmente l'intensita' del vento, piu' esso e' intenso, piu' l'altezza delle onde sara' maggiore. L'energia rilasciata dal vento viene acquisita ( e anche rilasciata ) dall'acqua con un certo ritardo per cui diviene importante non solo l'intensita' ma anche il tempo di persistenza.
Naturalmente, raggiunta una certa altezza l'onda non crescera' piu' perche' la sua velocita' eguagliera' quella del vento.

 

 

Lo schema qui sopra, anche se molto interessante, si riferisce alla formazione di onde in alto mare e non tiene conto del secondo fattore: il Fetch.
In un mare "chiuso e piccolo" come il Mediterraneo non si potranno mai verificare onde alte come quelle descritte, perche' l'effettiva influenza che hanno i fattori suddetti sulla loro formazione, dipende anche dalla lunghezza del tratto di mare interessato  dal vento e dalle onde senza che essi incontrino ostacoli.
Se si osserva una cartina del Mediterraneo, si puo' vedere che il Fetch non e' mai molto elevato e se si pensa anche al tipo di condizioni climatiche presenti, si giunge presto alla conclusione che difficilmente le onde possono superare i 3 metri sulle nostre coste.
Per capire meglio questo concetto potete osservare lo schema sottostante.

 

 

L'ultimo fattore, ma non meno importante, e' l'influenza che ha l'altezza dei fondali sul moto ondoso nei pressi delle coste. La velocita' di propagazione e la lunghezza delle onde infatti, diminuiscono con il diminuire dell'altezza degli stessi. Per lo stesso motivo pero', le onde tendono anche ad accorciarsi e ad alzarsi per cui e' facile che si vedano onde che sono piu' alte del normale in rapporto al vento presente.

La classificazione delle onde la troviamo nella scala Douglas che e' suddivisa in 9 gradi ed e' anche associata alla scala anemometrica Beaufort.

 

GRADO DOUGLAS

TERMINE DESCRITTIVO

ALTEZZA ONDE (m) GRADO BEAUFORT
0 Calmo 0 0
1 Quasi calmo 0 - 0,10 1
2 Poco mosso 0,10 - 0,50 2
3 Mosso 0,50 - 1,25 2
4 Molto mosso 1,25 - 2,50 3
5 Agitato

2,50 - 4,0

4
6 Molto agitato 4,0- 6,0 5
7 Grosso 6,0 - 9,0 6
8 Molto grosso 9,0 - 14,0 7
9 Tempestoso oltre 14,0 7