COME COMPORTARSI IN CASO DI EMERGENZA

 

- PROTEGGITI E METTITI AL SICURO SENZA AVVICINARTI AL LUOGO DELL’EVENTO.

- UNA PRIMA REAZIONE DI PAURA E DI ANSIA È NORMALE MA SERVE A PROTEGGERTI.

- CHIEDI AIUTO ALLERTANDO I SERVIZI PREPOSTI SE CI SONO REALI SITUAZIONI DI PERICOLO.

- NON INTRALCIARE LE OPERAZIONI DI SOCCORSO E SEGUI LE INDICAZIONI DATE DALLE FORZE DELL’ORDINE E DAI SOCCORRITORI.

- SE HAI BISOGNO DI NOTIZIE SU FERITI RICOVERATI, RIVOLGITI AGLI UFFICI RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEGLI OSPEDALI.

- RINVIA, SE POSSIBILE, VISITE A PARENTI O ACCERTAMENTI AMBULATORIALI E DI CONTROLLO NON URGENTI PERCHÉ TUTTO IL PERSONALE DEGLI OSPEDALI VIENE DI NORMA IMPIEGATO PER DARE ASSISTENZA AI FERITI.

- IL TRASPORTO PUBBLICO (AUTOBUS, METROPOLITANA, ECC.) POTREBBE ESSERE MOMENTANEAMENTE SOSPESO.

 

 

 

 

IN CASO DI MALTEMPO

 

ALLUVIONI E ALLAGAMENTI

- SE ABITI IN UNA ZONA A RISCHIO, NON SI E’ IN FASE DI PREALLARME E NON PIOVE, PARCHEGGIA L’AUTOMOBILE IN AREE CHE NON POSSONO ESSERE RAGGIUNTE DALL’ALLAGAMENTO.

- IN CASO DI ALLARME, SE ABITI IN UN PIANO ALTO, OFFRI OSPITALITÀ A CHI ABITA NEI PIANI SOTTOSTANTI. SE A DIFFERENZA ABITI NEI PIANI BASSI, CHIEDI OSPITALITÀ A CHI ABITA AI PIANI ALTI.

- SE NON CORRI IL RISCHIO DI ALLAGAMENTO, RIMANI PREFERIBILMENTE IN CASA.

- SE SEI MINACCIATO DALL’ACQUA E/O DEVI ABBANDONARE LA CASA, CHIUDI IL RUBINETTO DEL GAS, DELL’ACQUA E IL CONTATORE DELLA CORRENTE ELETTRICA (SE IL LOCALE NON E’ STATO GIA’ RAGGIUNTO DALL’ACQUA).

- PONI DELLE PARATIE A PROTEZIONE DEI LOCALI SITUATI AL PIANO STRADA E CHIUDI O BLOCCA LE PORTE DI CANTINE O SEMINTERRATI.

- GETTA VIA I CIBI CHE SONO STATI A CONTATTO CON LE ACQUE CONTAMINATE DELL’ALLUVIONE.

- NON UTILIZZARE L’ACQUA FINCHÉ NON VIENE DICHIARATA NUOVAMENTE POTABILE.

- NON UTILIZZARE ELETTRICITÀ ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE PRIMA DI UNA VERIFICA DA PARTE DI UN TECNICO

 

MALTEMPO

- RISPETTA LE NORME DEL CODICE DELLA STRADA.

- VERIFICA LA PERFETTA EFFICIENZA DEL VEICOLO PRIMA DI INTRAPRENDERE UN VIAGGIO.

- SE DEVI VIAGGIARE PORTA SEMPRE CON TE I NUMERI UTILI PER RICHIEDERE INFORMAZIONI E SOCCORSO. MANTIENI LA RADIO SINTONIZZATA SUL CANALE ISORADIO.

- SE LE CONDIZIONI METEO SONO AVVERSE NON INTRAPRENDERE VIAGGI SE NON È INDISPENSABILE.

 

IN CASO DI NEVE

- UTILIZZA PREFERIBILMENTE I MEZZI PUBBLICI (SINO AL RIPRISTINO DELLA NORMALE TRANSITABILITÀ DELLE STRADE)

- SE SEI COSTRETTO AD UTILIZZARE LA TUA AUTO, MONTA PNEUMATICI DA NEVE O CATENE.

- NON PARCHEGGIARE NEI PUNTI DI INTERESSE PUBBLICO LIBERI DALLA NEVE (FERMATE AUTOBUS, PASSAGGI PEDONALI, VICINANZE CONTENITORI NETTEZZA URBANA).

- UTILIZZA CALZATURE IDONEE PER EVITARE PERICOLOSE CADUTE.

- EVITA DI GETTARE LA NEVE DAI BALCONI SU STRADE E VEICOLI.

- NON UTILIZZARE MOTORINI E BICICLETTE NELLE GIORNATE DI NEVE ED IN QUELLE SUCCESSIVE.

- EVITA DI CAMMINARE SOTTO ALBERI O BALCONI INNEVATI.

 

ONDATE DI CALORE

- Evita DI USCIRE NELLE ORE PIU' CALDE, cioè dalle 11 alle 18. In questa fascia oraria è sconsigliato USCIRE a bambini molto piccoli, anziani, persone non autosufficienti o persone convalescenti.

- EVITA DI ANDARE IN aree particolarmente trafficate, ma anche ai parchi e alle aree verdi dei grandi centri urbani dove va a concentrarsi l’ozono prodotto dai gas di scarico delle automobili e dall’industria.

- Indossa un abbigliamento leggero e comodo.

- Non lasciare mai persone o animali, anche se per poco tempo, nella macchina parcheggiata al sole.

- Se ENTRI in un’autovettura che è rimasta parcheggiata al sole, per prima cosa apri gli sportelli per ventilare l’abitacolo.

- Rinfresca l’ambiente domestico e di lavoro MA CON MODERAZIONE. La temperatura ideale per il benessere fisiologico è di 24-26°C.

- BeVI molti liquidi, mangia molta frutta e verdura, non bere alcolici.

- FaI pasti leggeri e FAI attenzione alla conservazione degli alimenti.

- Usa il potere rinfrescante dell’acqua, FaI docce e bagni tiepidi, bagnaTi il viso e le braccia con acqua fresca CHE riduce la temperatura del corpo.

- CONSULTA IL MEDICO SE SOFFRI DI PATOLOGIE CRONICHE, PER REGOLARE LA CURA FARMACOLOGICA.

- CONSULTA IL BOLLETTINO EMESSO DAL DIPARTIMENTO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PER SAPERE IN ANTICIPO CHE TIPO DI ONDATA DI CALORE STA ARRIVANDO COSI' DA POTERTI PREPARARE.

I LIVELLI DI RISCHIO INDICATI SONO 4:

livello 0 - Condizioni meteorologiche non a rischio per la salute della popolazione.
Livello 1 - Condizioni meteorologiche che non rappresentano un rischio per la salute della popolazione ma possono precedere il verificarsi di condizioni di livello 2.
Livello 2 - Temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi per la salute della popolazione a rischio.
Livello 3
- Ondata di calore (condizioni meteorologiche a rischio che persistono per più giorni consecutivi). E' necessario adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio.

 

ONDATE DI FREDDO

QUELLE intense possono provocare problemi alla salute CHE VANNO DALLE sindromi influenzali ALLA recrudescenza della sintomatologia di malattie croniche, specialmente dell'apparato respiratorio, cardiovascolare e muscolo scheletrico.
Nelle condizioni più estreme, si possono verificare anche casi di ipotermia ed assideramento.

COME COMPORTARSI:

- Regola la temperatura degli ambienti interni e l’umidificazione degli ambienti di casa riempiendo le apposite vaschette dei radiatori PER RIENTRARE NEGLI STANDARD OTTIMALI CASALINGHI (19-22°c CON 40-50% UMIDITA').
una casa troppo fredda e un’aria troppo secca possono costituire un’insidia per la salute.
Può essere opportuno provvedere all’isolamento di porte e finestre, riducendo gli spifferi con appositi nastri o altro materiale isolante.

- Abbi cura di aerare correttamente i locali: l’intossicazione da monossido di carbonio è assai frequente e può avere conseguenze mortali.

- Presta particolare attenzione ai bambini molto piccoli e alle persone anziane non autosufficienti, controllando anche la loro temperatura corporea.

- mantieni contatti frequenti con anziani che vivono soli e verifica che dispongano di sufficienti riserve di cibo e medicinali. Segnala ai servizi sociali la presenza di senzatetto in condizioni di difficoltà.

- assumi pasti e bevande calde (almeno 1 litro e ½ di liquidi), evita gli alcolici perché non aiutano contro il freddo, al contrario, favoriscono la dispersione del calore prodotto dal corpo.

- ESCI nelle ore meno fredde della giornata COME la mattina presto e la sera soprattutto se si soffre di malattie cardiovascolari o respiratorie.

- Indossa vestiti idonei COME sciarpa, guanti, cappello, ed un caldo soprabito, sono ottimi ausili contro il freddo.

- ProteggiTI dagli sbalzi di temperatura quando passi da un ambiente caldo ad uno freddo e viceversa.

- Se DEVI VIAGGIARE IN automobile, non dimenticarti di portare coperte e bevande calde.

 

 

 

IN CASO DI INCENDIO

 

SE AVVISTI UN INCENDIO

- TELEFONA SUBITO AL 1515 (CORPO FORESTALE) O AL 115 (VIGILI DEL FUOCO) O ALL’800 940918 (REGIONE LAZIO SALA OPERATIVA PROTEZIONE CIVILE).

- TENTA DI SPEGNERE UN PICCOLO FOCOLAIO SOLO SE HAI UNA VIA DI FUGA TENENDO LE SPALLE AL VENTO E BATTENDO LE FIAMME CON UN RAMO VERDE FINO A SOFFOCARLE.

- NON SOSTARE IN LUOGHI SOVRASTANTI L’INCENDIO O IN AREE VERSO LE QUALI SOFFIA IL VENTO.

- NON FERMARTI E NON METTERTI IN PERICOLO.

- ALLONTANATI SEMPRE NELLA DIREZIONE OPPOSTA AL VENTO.

 

SE SEI CIRCONDATO DAL FUOCO

- CERCA UNA VIA DI FUGA SICURA, UNA STRADA O UN CORSO D'ACQUA.

- SEGNALA LA TUA PRESENZA.

- SE SEI COSTRETTO, ATTRAVERSA IL FRONTE DEL FUOCO DOVE È MENO INTENSO PER PASSARE DALLA PARTE GIÀ BRUCIATA.

- STENDITI A TERRA DOVE NON C'È VEGETAZIONE INCENDIABILE.

- COSPARGITI DI ACQUA O COPRITI DI TERRA.

- PREPARATI ALL'ARRIVO DEL FUMO RESPIRANDO CON UN PANNO BAGNATO SULLA BOCCA.

- NON USCIRE DI CASA SE NON SEI CERTO CHE LA VIA DI FUGA SIA LIBERA. SIGILLA CON PANNI BAGNATI PORTE E FINESTRE. IL FUOCO OLTREPASSERÀ LA CASA PRIMA CHE ALL’INTERNO PENETRINO IL FUMO E LE FIAMME.

- NON ABBANDONARE L'AUTOMOBILE, CHIUDI I FINESTRINI E IL SISTEMA DI VENTILAZIONE; SEGNALA LA TUA PRESENZA CON IL CLACSON E CON I FARI.

 

 

 

 

PICCOLI CONSIGLI DI PRONTO SOCCORSO

 

- NON AVERE PAURA DI AIUTARE, Il tuo aiuto può essere determinante per le vittime.

- Il rischio di contrarre malattie è estremamente basso ma cerca comunque di evitare il contatto diretto con il sangue ed altri fluidi corporei (saliva, urine, ecc.).

- Se puoi, indossa un paio di guanti e lavati le mani con acqua e sapone appena possibile.

- Evita di muovere il ferito tranne il caso in cui si trovi in una situazione di grave ed imminente pericolo (vicino ad un incendio, pericolo di crollo o di esplosione, ecc.).

 

PERDITA DI CONOSCENZA:

- Se la persona non è cosciente e non mostra segni di vita, chiama aiuto e richiedi un’ambulanza. Se hai le competenze necessarie, esegui le manovre di rianimazione cardio-respiratoria di base fino all’arrivo dei soccorsi.

 

EMORRAGIE:

- Tieni sotto controllo perdite di sangue gravi applicando una pressione decisa sulla ferita utilizzando un panno pulito e asciutto (non usare lacci). Fai stendere la persona ferita, rassicurala, tienila al caldo e allenta i vestiti stretti.

 

USTIONI:

- Raffredda tutte le ustioni con acqua fredda senza applicare altro. Copri le parti colpite con panni o vestiti puliti e asciutti.

 

TRAUMI E FRATTURE:

- Se puoi, applica ghiaccio sulla parte colpita.

 

ESPOSIZIONE A SOSTANZE TOSSICHE:

- In caso di ingestione di sostanze tossiche, non somministrare nulla per bocca, non indurre il vomito e cerca di capire cosa è stato ingerito.

- In caso di contatto di sostanze con la pelle, rimuovi immediatamente gli abiti contaminati e se possibile lava abbondantemente con acqua e sapone.

- In caso di contatto con gli occhi, lava a lungo con acqua pulita senza usare nessun collirio o pomata.